top of page

Abroad or not abroad… that is (not) the question. 

Right after the celebration for the first time this year, on January 24th, of the World Educational Day commissioned by UNESCO, let's get to know Uniplanning, consulting service for italian students interested in pursuing their academic career abroad. It is a pleasure and an honour for the Venice Diplomatic Society to have been able in recent years to count on the support of so many students not only being well-prepared but also very sensitive to the theme of supporting the educational paths of their peers and their personal development in general. An excellent example of that is the one we are offering below, thanks to an interesting interview to the dear friends of ours Antonia and Matteo.

*


"Galehaut was Harvard National Model United Nations 2018" I would say in Italian, because this is the very experience where they met and got to know each other... unexpectedly. Let me introduce to you two of my former MUN fellows Antonia and Matteo, both cafoscarini and startuppers. Antonia graduated having studied PISE Matteo studied Economics and Management instead. They both have impressive curricula studiorum, having had many international exchanges covering the entire globe. It is this very personal experience which has inspired their new business: Uniplanning (https://www.uniplanning.org). What’s that? It consists in a consulting service for Italian students aspiring to study at a university abroad - be it their Bachelor’s or their Master’s (or both, why not!). Don’t wanna spill the tea and spoiler: so, listen to Antonia’s and Matteo’s story carefully, and be inspired by their ambition.

1. How did you come up with the concept?

We got the idea from our personal experiences. After spending a year of high school in Switzerland (Antonia) and a summer school in Australia (Matteo), we both realized the advantages that a study abroad could give: learning a new language, living in a new culture, relating with people from a country with different customs and traditions, learning to be independent, etc . All this allowed us to grow personally a little earlier than our Italian classmates. After this experience, we therefore decided to undertake an academic path abroad. The only problem was how to do it. We did not have the necessary information to make such a choice; neither of us knew how to inform ourselves. Even asking for help from our professors did not bring any conclusions, as they hadn’t experienced a period of university studies abroad. We realized that we would have had to do everything on our own. It would have been great to have someone who could explain to us the university system of foreign universities and guide us through the process. Unfortunately, we did not succeed in our intent for the Bachelor abroad, however, we did succeed in doing our Master studies in Europe.

2. What are your goals?

Currently, we would like to help as many students as possible to make their desire to go abroad come true. In the long term, we would like to become a real point of reference for young people who dream of going abroad for study, personal experience, work goals, but don’t have adequate support to make such a decision. We do not only aim to help young people in their university application process, but we aim to provide them with counseling which can take into account personal interests, abilities, personal and working goals, especially if they are very unsure about their abilities. Basically, we want to help students who, like us at their age, are confused and do not have the means to make informed choices about their future, both academically and jobwise.

3. The experience that brought you to setting up your business.

We have always liked to look for information about possible school programs abroad, from "semester abroad" while in high school, the Erasmus program in our Bachelor, to the possibility of pursuing a master's degree abroad. We have always done so for ourselves in these past years, and we never thought it would be useful for anyone else. The idea arose not from a specific experience, but from the fact that we realized that many of our peers asked us for advice on how to get into a master's degree abroad and that thanks to our advice they succeeded in doing so. Recently, we also had contact with young students from our own high school who have followed our example by spending a year of high school abroad. Some of them contacted us in order to get some advice on how to continue their journey abroad. Helping our peers and friends in their desire to pursue an academic career outside the Italian borders has encouraged us to do this consultancy service. We realized that the Italian school system often does not offer support to students who wish to learn about opportunities abroad. Hence, we decided to try and fill this gap.

4. How much dedication did this project require?

Excellent question. We started working on the service last summer. We literally spent our summer creating content, guidelines, and the website. We called each other for at least one hour a day, as both of us were outside Italy, and we discussed all the parts of the service. Once we both started our masters, Matteo at ESCP in Madrid and Antonia at the LSE in London, we had to slow down a little bit and find a balance between school and work after a period of integration into the new environment. As students, it is difficult to combine the study and the start of new job activity. Nevertheless, by working every day, in the end we managed to start our business, overcoming the economic and legal obstacles that arose during the initial phase. Although it was a great effort, it was a good experience that taught us many new things and that is giving us several satisfactions.

5. What are your recommendations for our readers?

First of all, do not underestimate yourselves. Do not think you are not suitable for an academic career abroad if you have the desire to do so. Most of the times these are the people who are unaware of their profile for this kind of experience. Practical pieces of advice are: try to be as active as possible in your student life, by being your class or institute representative, by participating in sports activities or literary clubs, or by doing some volunteer work. All these kinds of activity are highly appreciated by foreign institutions. Try to find some opportunities, even short ones, to carry out internships in the sector that interests you the most, since work experience is highly valued abroad. Finally, if you are interested, do not be afraid to contact people who have had educational or even work experience abroad; they can help you by sharing their point of view about the life of a student or worker abroad and they are more than happy to do so.

“Be your own boss”: this is one of the first words Ciara says at the beginning of her song’s video “Level up”. Does it sound simplistic? Possibly it does, but it undoubtedly gets to the point at once. Does it even sound bold? Perhaps, but it is your success - well, satisfaction or happiness somehow more appropriately - at stake. Basically, don’t let other circumstances, other people and their personal experiences decide for you. You are, or you can be at least, the only one truly aware of your own skills, your own goals, your own... dreams. Don’t be scared; just try. , Failure doesn’t exist, it is merely an  unsuccessful experiment. It’s not a loss, but an enriching gain in experience in knowledge and in wisdom. All that has been said may perfectly be applied both to Antonia’s and Matteo’s project and the students they wish to help. So, do you know what Ciara says next in the video? “Level up”. And that’s exactly what Antonia and Matteo want resolutely to tell Italian students: take your academic path to the next level, pack up and go abroad.






Per la prima volta quest’anno il 24 gennaio si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Educazione voluta dall’UNESCO al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica mondiale sulle questioni legate alla scolarizzazione rimaste aperte a livello globale. Per VDS è un piacere e un onore aver potuto contare in questi anni sull'appoggio di molti studenti non solo preparati, ma altresì sensibili al tema del sostegno dei percorsi formativi dei loro coetanei e della crescita personale di questi ultimi in generale. Un esempio eccellente è quello che vi proponiamo di seguito, grazie ad una intervista ai cari amici Antonia e Matteo.



*

“Galeotto fu Harvard National Model United Nations 2018”: é proprio qui che si incontrarono e si conobbero... quasi per caso. Due cafoscarini, ora international students, due startuppers: signore e signori, ecco a voi i miei compagni di MUN Antonia and Matteo. Antonia si è laureata in PISE, Matteo invece ha frequentato Economics and Management. Curriculum studiorum invidiabile, con molteplici scambi all’estero che sommati hanno toccato ogni continente. È proprio dalla loro esperienza in prima persona che hanno realizzato la possibilità di avviare un business: Uniplanning (https://www.uniplanning.org). Di cosa si tratta? É un servizio di consulenza che aiuta studenti italiani che aspirano a proseguire gli studi universitari all’estero - che sia Bachelor’s Degree o Master’s (o entrambi, perché no!). Non voglio fare spoiler o raccontare troppo: quindi, andiamo a leggere la storia di Antonia e Matteo con attenzione, e lasciamoci ispirare dalla loro ambizione.

1. Da dove è scaturita l’idea? 

L’idea è nata dalla nostra esperienza personale. Dopo aver trascorso un anno di liceo in Svizzera (Antonia) e un trimestre in Australia (Matteo), entrambi ci siamo resi conto dei vantaggi che lo studio all’estero poteva dare: imparare una nuova lingua, vivere in una nuova cultura, relazionarsi con persone di un paese con usi e costumi diversi dai nostri, imparare ad essere indipendenti. Tutto ciò ci ha permesso di crescere personalmente un po’ prima rispetto ai nostri compagni in Italia. Dopo questa esperienza abbiamo quindi deciso di voler intraprendere un percorso accademico all’estero. Unico problema era il come. Non avevamo le informazioni necessarie per fare una scelta di questo tipo, non sapevamo come informarci. Anche chiedendo aiuto ai nostri professori non siamo riusciti a concludere molto, perché loro stessi non avevano sperimentato un periodo di studi universitari all’estero. Ci siamo quindi resi conto che avremmo dovuto farcela da soli. Sarebbe stato fantastico avere una persona che ci potesse spiegare il sistema universitario nelle università estere e che ci guidasse in questo processo. Sfortunatamente non siamo riusciti nel nostro intento per la triennale, ma ce l’abbiamo fatta per la magistrale.

2. Quali sono i vostri obiettivi? 

Attualmente vorremmo aiutare più ragazzi possibili a realizzare il loro desiderio di andare all’estero. Nel lungo termine ci piacerebbe diventare un vero e proprio punto di riferimento per ragazzi che sognano di andare all’estero per studio, esperienza personale, traguardi lavorativi, che però non hanno un supporto adeguato per fare una scelta di questo tipo. Ci proponiamo non solo di aiutare i ragazzi nel processo dell’application per università, ma di fornire loro un orientamento a 360°, che tenga conto degli interessi personali, delle loro capacità, dei loro traguardi personali, soprattutto se molto insicuri circa loro capacità. In pratica vogliamo aiutare studenti che come noi alla loro età sono confusi e non hanno i mezzi per fare scelte ponderate sul loro futuro, sia accademico che lavorativo.

3. La vostra esperienza più significativa, che ha fatto vale balenare l’idea. 

Ci è sempre piaciuto informarci su possibili percorsi di studio all’estero, dai “semester abroad” alle superiori, agli Erasmus in triennale fino alla possibilità di fare la magistrale all’estero. L’abbiamo sempre fatto per noi stessi durante questi anni, e non avevamo mai pensato potesse tornare utile anche a qualcun altro. L’idea è scaturita non da una specifica esperienza, ma dal fatto che ci siamo accorti che molti nostri amici coetanei ci chiedessero consigli su come riuscire ad entrare in un master all’estero e che grazie ai nostri consigli ci siano riusciti. Recentemente abbiamo avuto anche contatti di giovani studenti del nostro stesso liceo che hanno seguito il nostro esempio trascorrendo un anno di liceo all’estero. Dopodiché siamo stati contattati da un paio di questi per avere consigli su come riuscire a continuare il loro percorso all’estero. Il fatto di aver aiutato nostri compagni ed amici nel loro desiderio di intraprendere una carriera accademica fuori dai confini italiani ci ha spronati a fare questo servizio di consulenza. Ci siamo accorti che il sistema scolastico italiano spesso non offre un appoggio agli studenti che vogliono informarsi sulle opportunità all’estero, dunque abbiamo deciso di provare a colmare questa mancanza.

4. Quanto impegno ci è voluto per avviare il vostro business? 

Ottima domanda. Abbiamo iniziato a lavorare sul servizio l’estate scorsa. Abbiamo letteralmente passato la nostra estate creando contenuti, linee guida, e il sito web. Ci siamo sentiti ogni giorno per almeno un’ora al telefono, visto che eravamo entrambi in paesi diversi, e abbiamo discusso tutte le parti del servizio. Una volta che entrambi abbiamo iniziato il nostro master, Matteo a ESCP a Madrid e Antonia alla LSE a Londra, abbiamo dovuto rallentare un po’ e trovare un equilibrio tra scuola e lavoro dopo esserci integrati nel nuovo ambiente. Essendo ancora studenti è difficile coniugare lo studio e l’avvio di una nuova attività. Ciò nonostante, con costanza, alla fine siamo riusciti ad avviare il nostro business, riuscendo a superare gli ostacoli economici e legali che si sono presentati durante la fase iniziale. Malgrado sia stato un impegno notevole, è stata una bella esperienza che ci ha insegnato molte cose nuove e che ci sta dando diverse soddisfazioni.

5. Consigli ai nostri lettori? 

Innanzitutto, non sottovalutate voi stessi. Non pensate di non essere adatti per un percorso accademico estero se avete il desiderio di farlo. Il più delle volte sono proprio queste le persone che nascondono o che non sanno di avere un profilo adatto per questo tipo di percorso. Cercate di essere il più attivi possibili nella vostra vita studentesca, facendo il rappresentante di classe o istituto, facendo parte di club sportivi o letterali, o facendo del volontariato. Tutto ciò viene altamente apprezzato dalle università estere. Provate a cercare qualche opportunità, anche breve, per svolgere degli stage nel settore che vi interessa, poiché l’esperienza lavorativa è molto valorizzata all’estero. Infine, se siete interessati, non abbiate paura di contattare gente che ha avuto esperienze educative o anche lavorative all’estero; loro possono aiutarvi condividendo il loro punto di vista della vita di uno studente o lavoratore all’estero e sono più che felici di farlo.

“Be your own boss”: é una delle prime frasi che Ciara pronuncia all’inizio del video di“Level up”. Does it sound simplistic? Suona un po’ semplicistico? Potenzialmente si, ma senza dubbio va dritto al punto. Può suonare anche un po’ sfacciato? Forse, ma è il tuo successo - o sarebbe meglio dire la soddisfazione o la felicità in modo più appropriato - che é in gioco.

Fondamentalmente, non bisogna lasciare che le circostanze o gli altri, con le loro esperienze personali, decidano per noi stessi. Siamo, o almeno possiamo essere, gli unici realmente consapevoli delle nostre potenzialità, dei nostri obiettivi, dei nostri... sogni. Non dobbiamo lasciarci scoraggiare dal fallimento, perché non esiste: sono solamente esperimenti non riusciti. Non possiamo parlare di ‘perdita’, perché è a prescindere un’esperienza che ci arricchisce in consapevolezza, conoscenza, ragionevolezza. Tutto questo è perfettamente coerente sia col progetto di Antonia e Matteo, che con gli studenti a cui si riferiscono e che desiderano aiutare. Quindi, sapete come continua il Ciara nel video? “Level up”. Ed è chiaramente in linea con quanto Antonia e Matteo vogliono fermamente dire ai loro colleghi italiani: portate il vostro percorso accademico al livello successivo, fate i bagagli e andate all’estero.

7 views0 comments

コメント


bottom of page